Un primo approccio alla Commedia di Dante Alighieri, testo fondamentale della cultura italiana che, attraverso alcune letture animate, può essere condiviso e apprezzato non solo con i grandi, ma anche con i più piccini.

Il Laboratorio Per riveder le stelle si è svolto in tre incontri nel luglio 2017 presso il Centro Estivo alla Scuola dell’infanzia Vittorio Emanuele II di Viale Martelli (Pordenone).

m.jpg

Miniatura marciana del XIV secolo
raffigurante Dante, Beatrice e le famose stelle.

Dante, cinto dalla sua corona d’alloro e dall’immancabile mise rossa, si è recato presso la Scuola dell’infanzia di Pordenone e, servendosi di un teatrino creato dagli stessi partecipanti, alcune stampe di miniature medievali e tanto buon umore, ha raccontato ai bambini il suo periglioso viaggio tra Inferno, Purgatorio e Paradiso.

da.jpg

Il pubblico, della fascia di età compresa tra i quattro e i sei anni, che ha vissuto il racconto come la lettura di una lunga fiaba, ha appreso delle nozioni di base, quali il nome di Dante, il periodo storico a cui appartiene, qual è la sua opera più importante e il nome dei personaggi che lo accompagnano nel suo cammino.

Vi lascio un “assaggio” della presentazione del Laboratorio, che spero di perfezionare e replicare il prossimo anno.

1297783845.jpg

Narratore: 

Di Dante Alighieri, nato a Firenze tanto, ma tanto tempo fa, sappiamo moltissimo. Tuttavia, per ricordarci di lui, ci basterà pensare ad un uomo vestito di rosso, con un grande naso e dalla fronte cinta da una profumatissima e verdissima corona di alloro.

Questo personaggio, così buffo, ne sapeva talmente di tutti i colori, che ha scritto un sacco di libri: per non elencarveli tutti, e visto che lui ne è davvero geloso, ve lo porterò proprio qui, così vi racconterà le sue meravigliose storie, ma dovrete ascoltarlo attentamente.

Dante:

Arrivato son da Firenze per raccontarvi la mia Commedia,

che ho scritto durante un lungo allontanamento dalla mia città, per sfuggire all’inedia.

Avevo litigato con un uomo che era proprio Malo, anche se si chiamava Bono…facio. Visto che mi piaceva tanto leggere, studiare e chiacchierare,

ho scritto queste rime di cui vi voglio parlare.

«Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.»

Avevo trentacinque anni, ero ormai un uomo grande e grosso e il mio naso, che mi proteggeva dalla pioggia, dal vento, dalle neve, quasi come un ombrello, mi ha accompagnato in un viaggio davvero magico.

eb5145dfe2b7ff4b39e8772a8cb09527

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...